Il tuo browser non supporta JavaScript!
Fiere e saloni

Un percorso tra gli eventi del primo giorno di Più libri più liberi

di Alessandra Rotondo notizia del 4 dicembre 2018

Attenzione, controllare i dati.

È l’essere umano il centro (e al centro) di Più libri più liberi 2018 e del suo programma culturale. Con i suoi diritti e la sua dignità, il cui riconoscimento, come recita la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, «costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo». Se la Terra è segnata da conflitti, enormi diseguaglianze economiche e sociali, instabilità politiche, consistenti spinte migratorie e altrettanto forti arroccamenti in posizioni di chiusura ed egoismo,  la fiera della piccola e media editoria di Roma risponde con la proposta di un «nuovo umanesimo». Un tema che sarà spazio di dibattito e confronto durante ciascuno dei giorni della manifestazione. Perché se «di tutte le cose misura è l'uomo», solo la riaffermazione di una profonda humanitas – intesa come solidarietà fra le persone, nella consapevolezza di una comune appartenenza al genere umano – può guidarci nella ricerca della «giusta» misura.

Domani, mercoledì 5 dicembre, dopo l’inaugurazionealle 10.30 al Caffè letterario Rai, alla presenza del sottosegretario Vito Crimi – la riflessione prende subito corpo, seguendo le direttrici di un tema quanto mai poliedrico e sfaccettato. Che in Roma trova un palcoscenico vivo, oltre che un «partner territoriale» inestricabilmente legato a Più libri, alla sua genesi e al suo sviluppo. Non è un caso che alla storia della Capitale Eterna – che tra mille contraddizioni ha sedotto artisti, intellettuali, uomini di stato, papi e pellegrini – sarà dedicato lo speciale di oltre un’ora di Quante storie (dalle 12.45 alle 14.00) che Corrado Augias condurrà dalla sala La Nuvola. Sul palco si avvicenderanno narratori, storici, personaggi dello spettacolo, per raccontare il loro punto di vista sulla città e per testimoniare il racconto che ne è stato fatto nella letteratura, nel cinema e nell’arte.

Mai dimentica della necessità del dialogo tra culture è la grande presenza che impreziosirà la prima giornata di fiera: quella di Abraham Yehoshua. Dalle 18.45 in sala La Nuvola, il drammaturgo israeliano che ha fatto del rapporto tra popoli diversi, che hanno religioni e culture differenti, il fulcro della sua opera dialogherà con Leonetta Bentivoglio. Sulla stessa scia tematica, pur con le dovute e irrinunciabili differenze, anche l’incontro tra l’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano e Francesco Merlo, il giornalista de «La Repubblica» al quale racconterà la sua vicenda (alle ore 17.30 in sala La Nuvola): dal sistema d'accoglienza che ha messo a punto all’approccio nella gestione dei rifugiati politici e ai migranti in genere, fino alle accuse ricevute, agli arresti domiciliari e alla successiva revoca.

La diciassettesima edizione di Più libri si caratterizza per un più ramificato coinvolgimento dei media, destinato a riflettersi nella programmazione culturale e ad arricchirla ulteriormente. Novità di quest’anno è, ad esempio, la partecipazione del «Corriere della Sera». Domani, alle 12.30 in sala Luna, il direttore Luciano Fontana dialogherà con il capo della Polizia Franco Gabrielli in un incontro dal titolo L’etica della responsabilità. Alle 17.30, nella stessa sala, Paolo Conti intervisterà il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli nell’incontro Lettura: primo motore della cultura. Nuova anche la partnership con Radio Capital, che avrà uno spazio dedicato dove sarà presente il direttore Massimo Giannini. Live dalla Nuvola, Concita De Gregorio condurrà, con Daniela Amenta, Cactus (domani dalle 11.00 alle 12.00, ma anche il 6 e il 7) e Doris Zaccone porterà in fiera il suo Doris Daily (domani dalle 12.00 alle 14.00 e poi di nuovo giovedì e venerdì); ai microfoni anche Mixo e Fabio Arboit in Capital House (domani dalle 14.00 alle 16.00).

L’umanità al centro di Più libri 2018 è anche quella che ci definisce come esseri pensanti e narranti. Così la fiera, nel giorno d’apertura, non mancherà di riservare spazi agli infiniti mondi del fare, del fruire, del raccontare, dello scrivere e dell’interpretare storie. Basti pensare agli appuntamenti del ciclo Scritture e riscritture (domani alle 11.00, le 13.00 e le 14.00 presso l’Arena Biblioteche di Roma) che affronteranno i temi della traduzione e del linguaggio grafico per i più piccoli (con Barbara Servidori, Lisa Topi e l’artista italo-iraniana Leyla Vahedi), dell’arte di inventare storie (con Rossella Milone) e della «voce» del traduttore (con Federica Aceto, Da Ali Smith a Don DeLillo). Mentre una riflessione sul ruolo dello scrittore oggi sarà quella del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, a confronto con Andrea Esposito, Giorgio Ghiotti e Michela Monferrini – tre giovani scrittori – alle 12.30 in sala Elettra.

E se infinite sono le strade della narrazione, una di queste – sempre più importante, sempre più presente anche tra i nostri consumi di lettori – passa per l’ascolto, per la voce. Allora, alle 17.30 di domani, v’invitiamo tutti al Caffè letterario Rai, per ascoltare Neri Marcorè alle prese con la lettura di Come fermare il tempo, il romanzo di Matt Haig «trionfo d’immaginazione», best seller in Gran Bretagna con oltre 350 mila copie vendute, portato in Italia da e/o nella traduzione di Silvia Castoldi e trasformato in audiolibro da Emons.

Per conoscere tutti gli altri incontri di domani e dei prossimi vi invitiamo a visitare il sito della fiera. Più libri più liberi ha anche una ricca programmazione per i lettori più giovani: è possibile consultarla a questo link.

L'autore: Alessandra Rotondo

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Mi sono laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, poi ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.