Il tuo browser non supporta JavaScript!
Fiere e saloni

Il programma professionale giorno per giorno. Giovedì 6 dicembre

di Redazione notizia del 5 dicembre 2018

Attenzione, controllare i dati.

La seconda giornata del programma professionale di Più libri più liberi si apre con il primo di tre incontri dedicati al complesso tema della distribuzione e della promozione. Già nel primo giorno (qui, il programma del 5 dicembre) si è parlato di quali sono le sfide comuni per l’editoria europea e, in particolare, di quali possono essere i modi per una casa editrice di ottimizzare la propria presenza nei canali trade. Questa striscia di incontri vuole approfondire la discussione attorno al tema della distribuzione da un punto di vista italiano, attraverso il confronto con professionisti che parleranno della loro esperienza e cercheranno soluzioni condivise per ottimizzate la filiera e risolvere i problemi a oggi sentiti dai diversi attori che ne fanno parte.

Il primo incontro «I piccoli editori e le politiche d’acquisto delle catene editoriali» sarà una tavola rotonda coi buyer delle principali catene libraie, alla ricerca di idee per dare maggiore spazio e visibilità ai piccoli editori in libreria.

Sarà anche una giornata ricca di dati sull’editoria. A partire dal primo degli approfondimenti su specifici settori, in questo caso quello del graphic novel, coi dati Nielsen sulle vendite relative al mercato dei fumetti. Sempre di eccellenze della piccola e media editoria si parlerà nell’incontro che segue, dedicato al settore dei libri per bambini e per ragazzi, con un focus che significativamente vuole mettere a confronto due pubblici di riferimento molto diversi, «poli estremi» del medesimo settore: quello dei bambini 0-3 anni e quello degli young adults.

La giornata del programma professionale si conclude con la presentazione al pubblico dell’indagine annuale sulla compravendita dei diritti curata anche quest’anno dall’Associazione italiana editori. A parlare del «Perché l’editoria italiana piace sempre di più all’estero?» saranno due agenti letterari che conoscono da vicino le dinamiche dietro all’acquisto e alla vendita dei nostri diritti.
 
 
 
Giovedì 6 dicembre
 
 
I piccoli editori e le politiche d’acquisto delle catene editoriali
A cura di AIE, in collaborazione con ALDUS
Sala Aldus, 10.30 - 12.00
(In streaming)
La libreria è il principale canale d’acquisto dei libri in Italia, soprattutto di catena. Qui il lettore viene a conoscenza delle novità, degli autori, dei marchi. Le catene sono realtà più attente alla gestione degli spazi, alle procedure legate agli ordini, ai rifornimenti. Hanno maggior potere contrattuale. Attraverso un incontro con i buyer delle principali catene l’incontro vuole da un lato offrire a tutti gli editori presenti a Più libri più liberi uno sguardo sulle singole peculiarità e procedure operative; dall’altro avviare un percorso comune di iniziative capace di offrire alla piccola editoria una maggiore visibilità.
 
Emanuele Cappello (Libraccio), Diego Guida (Presidente Gruppo piccoli editori dell’AIE), Barbara Lepore (Librerie Feltrinelli), Daniele Mariani (Librerie Mondadori), Gerardo Mastrullo (La Vita Felice)
 
 
Una nuova generazione al comando
A cura di AIE
Sala Aldus, 12.30 - 13.20
Sta avvenendo da alcuni anni un cambio generazionale nell’editoria «di famiglia» italiana, piccola e media. All’editore fondatore che aveva definito il progetto originario della casa editrice, creato il catalogo e dato valore al marchio, stanno subentrando le generazioni successive, le quali a loro volta stanno arricchendo il progetto editoriale originario, usando in modo più spregiudicato e innovativo i nuovi strumenti a loro disposizione.
 
Luca De Michelis (Marsilio Editori), Sabina Minardi (L’Espresso), Shulim Vogelmann (Giuntina)
 
 
Messaggerie Libri incontra gli editori
A cura di Messaggerie Libri
Sala Polaris, 12.30 - 13.20
Il processo di cambiamento del mercato coinvolge tutti gli operatori della filiera e impone processi di evoluzione e innovazione. I risultati, i servizi, il valore aggiunto di Messaggerie Libri come opportunità per gli Editori.
 
Lo staff di Messaggerie Libri
 
 
Le eccellenze della piccola editoria: il graphic novel
A cura di AIE, in collaborazione con Nielsen
Sala Aldus, 14.30 - 15.20
(Con traduzione simultanea)
Uno dei settori in cui i piccoli editori hanno un posizionamento di eccellenza è quello del graphic novel. È stata soprattutto la piccola editoria a scoprire, proporre e imporre questo genere, facendo riconoscere al pubblico la sua dignità letteraria. A costruire una comunicazione ad hoc attorno a eventi e presentazioni per un genere che sa toccare le nuove forme del narrare e linguaggi più vicini alle nuove generazioni. Come si collocano i piccoli editori rispetto ai maggiori in questo settore?
 
Emanuele Di Giorgi (Tunué), Stefano Salis (Il Sole 24 Ore), Celina Salvador (Steinkis Groupe, Francia)
 
 
Ai poli estremi dell’editoria per bambini e ragazzi. La lettura tra gli 0-3 anni e tra i YA e le scelte editoriali
A cura di AIE, in collaborazione con Pepe Research
Sala Aldus, 15.30 - 16.20
È il segmento di mercato che è cresciuto di più negli ultimi anni e una dei punti di forza della piccola editoria. Ma è tutt’altro che un settore omogeneo. Innanzitutto per le diverse fasce di età che compongono il target, con conseguenti diverse abitudini di lettura e preferenze per generi e supporti (anche digitali). E poi perché nell’acquisto del libro si interfaccia anche l’adulto, la famiglia. Come operano editori che si muovono ai poli opposti di questa scala? Due editori riflettono sugli elementi che  stanno influendo sulle politiche editoriali di questo settore.
 
Sante Bandirali (Uovonero), Simonetta Fiori (La Repubblica), Michele Foschini (BAO Publishing)
 
 
Perché l’editoria italiana piace sempre di più all’estero?
A cura di AIE, in collaborazione con ALDUS
Sala Aldus, 16.30 - 17.20
(In streaming)
L’incontro – occasione per presentare i dati 2018 della vendita (e dell’acquisto) di diritti da parte degli editori italiani – rappresenta il punto di partenza per riflettere su alcuni temi legati all’internazionalizzazione del nostro settore. L’interesse che l’editoria italiana riveste per le altre editorie europee (e le ragioni che ci sono dietro), il ruolo e i servizi offerti dalle fiere internazionali, il peso della piccola editoria (e delle necessità che esprime), la necessità di ampliare il concetto di internazionalizzazione non più solo limitandolo alla vendita di diritti ma anche alle coedizioni, alla progettazione e realizzazione dei libri per editori stranieri.
 
Pablo De La Vega (Base Tres, Messico - agente letterario), Carmen Prestia (Alferj e Prestia - agente letterario), Stefano Salis (Il Sole 24 Ore)
 
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.