Il tuo browser non supporta JavaScript!
Fiere e saloni

I confini dell’Europa. Tutti gli eventi dedicati al tema della fiera

di Redazione notizia del 21 novembre 2019

Attenzione, controllare i dati.

Il tema scelto per questa edizione di Più libri più liberi è I confini dell’Europa. Nel 2019, la manifestazione compie diciotto anni, un traguardo importante, che la Fiera ha voluto celebrare ponendo al centro del programma il tema nevralgico dell’Europa.

Si parlerà di un ideale europeo che si nutre di inclusione, rispetto e apertura verso il prossimo con la sindaca di Danzica Aleksandra Dulkiewicz (Mercoledì 4 dicembre, ore 14, sala La Nuvola), succeduta a Paweł Adamowicz, assassinato da uno squilibrato nel gennaio scorso, durante un evento di beneficenza, dopo aver subito per anni una campagna di odio da parte dei media governativi.
Nell’incontro (a cura di AIE) con Giuseppe LaterzaEric Vigne Peter Kraus vom Cleff (Mercoledì 4 dicembre, ore 14.30, Sala Aldus) moderato da Ricardo Franco Levi si parlerà del ruolo fondamentale degli editori nella costruzione dell’identità europea.

Della grande sfida di «governare l’Europa» – obiettivo cruciale per il futuro del continente – si parlerà nell’incontro con Romano Prodi e il direttore dell’Espresso Marco Damilano (Venerdì 6 dicembre, ore 11.30, Sala La Nuvola) mentre Paolo MieliAlessandro Barbero Paolo Conti terranno una lectio di grande interesse sull’Europa (Mercoledì 4 dicembre, ore 11.30 Sala La Nuvola).
Anaïs Ginori e il politologo francese Yves Mény (Mercoledì 4 dicembre, ore 15, Arena Robinson) discuteranno del «vento populista che attraversa l’Europa».

Lo storico e politologo Jacques Rupnik parteciperà, insieme a Giuliano Amato Anna Foa, alla presentazione del volume Calendario civile d’Europa, a cura di Guido Crainz e Angelo Bolaffi: un grande progetto frutto di due anni di lavoro, che ha coinvolto oltre 40 autori tra storici italiani ed europei (Sabato 7 dicembre, ore 12.45, Sala La Nuvola). Inoltre, nell’anno in cui si festeggia il trentesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino, l’editorialista ed ex direttore di Repubblica Ezio Mauro racconterà gli eventi cruciali del 1989, che portarono alla dissoluzione del blocco orientale e alla nascita dell’Europa così come la conosciamo oggi (Domenica 8 dicembre, ore 17.45, Sala La Nuvola).

Il filosofo Maurizio Ferraris terrà una lectio dal titolo «Europa: la versione di Steiner» (Giovedì 5 dicembre, ore 16.30, sala La Nuvola) in cui metterà a fuoco l’identità di un continente che ha fatto della diversità culturale il suo tratto distintivo. Nell’appuntamento intitolato “Lo sguardo di un narratore dal centro fisico e politico dell’Europa: la Germania” si confronteranno, poi, Tonia Mastrobuoni e lo scrittore Thomas Brussig (Mercoledì 4 dicembre, ore 15, Arena Robinson), mentre delle radici millenarie del continente parleranno, invece, il medievalista Franco Cardini e il giornalista e storico Sergio Valzania (Arena Robinson).

Il futuro del progetto europeo si misura anche nel delicato rapporto con aree geografiche e culture limitrofe, come il Medio Oriente e il Nord Africa. Quindi superiamo i confini per gettare uno sguardo sulla realtà politica e civile della sponda meridionale del Mediterraneo: imperdibile l’incontro con Yasmina Khadra, pseudonimo di Mohammed Moulessehoul, celebre scrittore algerino da anni residente in Francia, che converserà con la giornalista Francesca Mannocchi, autrice di importanti reportage sul tema delle migrazioni e dei conflitti mediorientali (Sabato 7 dicembre, ore 15.15, Sala La Nuvola).
Di ISIS, terrorismo islamico globale e rivoluzioni in Medio Oriente parlerà anche Gilles Kepel, tra i più importanti studiosi occidentali del mondo arabo e musulmano, che presenterà il suo saggio Uscire dal caos, frutto di quattro decenni di ricerche.

Migranti e Europa saranno al centro dell’incontro (Domenica 8 dicembre, ore 12.45, Sala La Nuvola) con Mannocchi e due dei più importanti giornalisti che hanno firmato inchieste sul tema: Nello Scavo (Avvenire) – autore dello scoop sui rapporti tra l’Italia e i trafficanti libici, per questo sotto scorta – e Annalisa Camilli (Internazionale).
A parlare dei collegamenti tra la strategia della tensione italiana e il regime greco nell’Europa degli anni Sessanta e Settanta ci sarà Dimitri Deliolanes, che presenterà il suo libro I Colonnelli (Domenica 8 dicembre, ore 15, Sala Vega). Inoltre, il neurobiologo e saggista Stefano Mancuso parlerà della singolare idea di una Costituzione Europea Vegetale insieme a Walter Veltroni (Sabato 7 dicembre, ore 11.30, Sala La Nuvola).
Europa e identità rappresentano infine il focus degli appuntamenti con i quali Più libri più liberi inaugura una nuova collaborazione con l’Università Luiss Guido Carli di Roma e il suo corpo docente.

Scopri tutti gli eventi di Più libri più liberi.


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.