Il tuo browser non supporta JavaScript!
Fiere e saloni

Dalla fotografia al libro fotografico. The Photo/Book Cloud

di Alessandra Rotondo notizia del 9 dicembre 2017

Attenzione, controllare i dati.

Dopo l’esperienza dell’edizione passata, con il ciclo d’incontri Più libri più fotografie. Raccontare con le immagini, quest’anno Più libri più liberi conferma il suo legame con l’ottava arte con un programma e uno spazio interamente dedicati alla fotografia: The Photo/Book Cloud. Un’iniziativa che inaugura la collaborazione tra la fiera nazionale della piccola e media editoria, il festival internazionale di fotografia Cortona On The Move – con la sua direttrice artistica Arianna Rinaldo – e Chiara Capodici di Leporello photobooks et al. Lo spazio accoglie due mostre fotografiche prodotte dal festival di fotografia – ormai alla sua settima edizione – e una di libri fotografici scelti ad hoc per introdurre ai visitatori di Più libri il mondo della piccola editoria fotografica.

Zurumbático, del fotografo venezuelano Luis Cobelo, è un omaggio personale a Cent'anni di solitudine, che nel 2017 compie 50 anni. Un viaggio attraverso tutti quei sentimenti e stati d'animo suggeriti dall’ambigua e polisemica parola «zurumbático». Sentimenti e stati d’animo che hanno accompagnato Cobelo nel nord della Colombia, dove Gabriel García Márquez è nato e ha costruito la sua opera. Un lavoro affascinante, ricco di fantasia, realtà e mistero attraverso il quale Cobelo esprime il suo approccio personale a un modo di essere latinoamericano.

Dear Japanese di Miyuki Okuyama è la mostra vincitrice del Photobook dummy prize 2016 a Cortona On The Move. Racconta una storia intima e poco conosciuta: quella dei figli nati da soldati giapponesi e donne indonesiane durante la guerra del Pacifico, alla fine del secondo conflitto mondiale, che ora vivono in Olanda. Molti di loro sono ancora alla ricerca dei padri biologici e continuano a subire gli effetti psicologici di un'infanzia caratterizzata dallo stigma e dalla vergogna, anche in seno alla famiglia.

Aria fresca e ampi orizzonti per occhi affamati di nuove visioni è curata, invece, da Chiara Capodici. La mostra ripercorre per grandi tappe la geografia italiana di alcuni dei libri fotografici più interessanti pubblicati nel 2016 e 2017. Opere di giovani e piccoli editori, o autoprodotte dagli stessi autori, che in mostra svelano la propria storia editoriale e le caratteristiche più peculiari dal punto di vista del design e della produzione. Un campionario di tecniche digitali sperimentali che fanno rivivere la cultura delle fanzine, che richiamano la cura dell'alto artigianato, dei libri d'artista a tiratura limitata. Sono pubblicazioni che stanno facendo vivere un momento incredibilmente vivace e prolifico alla produzione editoriale fotografica italiana.

La mostra curata da Chiara Capodici culmina domani, domenica 10 dicembre, nell’iniziativa Dummy Review. Dalle 11.00 alle 13.00, sempre nello spazio The Photo/Book Cloud, alcuni esperti del settore – Magali Avezou, Valentino Barachini, Matilde Vittoria Laricchia di Origini Edizioni, Milo Montelli di Skinnerboox e Michela Palermo – saranno disponibili per visionare e discutere con gli autori maquette e progetti di libri fotografici in progress, ipotizzandone il percorso editoriale.

L'autore: Alessandra Rotondo

Laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Da diversi anni mi occupo di contenuti, dal 2015 al Giornale della libreria. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.