Il tuo browser non supporta JavaScript!
Editori

Aperte le candidature per il Prix Voltaire 2019

di Redazione notizia del 21 novembre 2018

Attenzione, controllare i dati.

L’International Publishers Association apre oggi le candidature per l’edizione 2019 dell’IPA Prix Voltaire. Assegnato nell’anno che volge al termine all’editore e librario di Hong Kong Gui Minhai (e precedentemente all’editore Turhan Günay e alla casa editrice Evrensel, al blogger saudita Raif Badawi e all'editore bielorusso Ihar Lohvinau) il premio è dedicato al riconoscimento e al sostegno degli editori che si battono per la libertà di edizione e di espressione.

La libertà di edizione è uno dei principi fondanti dell'IPA. Lungi dall'essere garantita in tutto il mondo, subisce continui attacchi da parte di governi, gruppi estremisti o privati interessi, che ricorrono all’intimidazione, all’incarcerazione e persino all’omicidio per inibirla. In molti Paesi, infatti, gli editori che forniscono agli autori i mezzi per diffondere le loro idee in forma scritta corrono gli stessi rischi degli autori, pertanto il loro lavoro richiede immenso coraggio e una forte scelta valoriale.

«Non è mai stato più chiaro di adesso il motivo per cui la libertà di edizione, insieme al diritto d’autore, sia un pilastro del lavoro dell'IPA» ha dichiarato il presidente dell’International Publishers Association Michiel Kolman. «È dovere della comunità editoriale internazionale sostenere i colleghi che rischiano la vita per essere “liberi di pubblicare”. Colleghi per i quali la tutela del diritto d'autore può essere solo un obiettivo ulteriore. Ci sono così tanti editori coraggiosi là fuori, mettiamo in luce il loro lavoro».

«La libertà di edizione è sempre più minacciata» gli ha fatto eco Kristenn Einarsson, presidente del Freedom to Publish Committee dell'IPA. «È grazie al lavoro degli editori più coraggiosi che gli autori possono far sentire la propria voce e mettere in discussione lo status quo. Raccontare le storie degli editori a cui va il riconoscimento del Prix Voltaire e che continuano a fare il proprio lavoro, anche a fronte delle intimidazioni legali e talvolta fisiche, è essenziale affinché tutti possano seguire il loro esempio. Dobbiamo lavorare incessantemente anche per chi è rimasto in silenzio».

Per quanto riguarda le candidature, ricordiamo che ogni individuo, gruppo o organizzazione può candidare un editore al Prix Voltaire. Per editore si intende una persona o una organizzazione che fornisca ad altri i mezzi per condividere le proprie idee in forma scritta, anche attraverso le piattaforme digitali. Tra i candidati figurano solitamente editori che hanno pubblicato opere controverse, subendo pressioni o minacce, o che si sono distinti per il loro impegno costante in difesa della libertà di stampa e d’espressione. Le candidature devono essere inviate utilizzando il modulo di domanda, da inviare – compilato – all'indirizzo prix-voltaire@internationalpublishers.org.

Il termine ultimo per presentare le candidature è il 20 febbraio 2019, dopodiché i nove membri del comitato Freedom to Publish Committee dell’IPA, eletti in rappresentanza degli editori e delle loro associazioni (tra cui l’AIE), individueranno una prima rosa di candidati, che sarà annunciata nei giorni della London Book Fair, a cui seguirà la lista dei finalisti e l’annuncio del vincitore a maggio 2019. La cerimonia di premiazione e il conferimento del premio di 10 mila franchi svizzeri si terrà venerdì 21 giugno 2019, durante la Seoul International Book Fair.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.