Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Curiosità

Terre di Vino e di Riso

di Laura Novati notizia del 1 gennaio 1970

Lo scorso 14 dicembre è stato presentato il Parco Culturale «Terre di Vino e di Riso», nuovo strumento di promozione culturale e turistica del Novarese e Vercellese, promosso dalla Regione Piemonte insieme a Fondazione per il libro, la musica e la cultura e da diciannove diverse realtà del territorio cui se ne aggiungeranno prossimamente altre che hanno manifestato interesse all’iniziativa. Il protocollo d’intesa tra i soggetti aderenti al progetto sarà siglato il prossimo 12 febbraio e la sera stessa è in programma il primo evento che inaugurerà il cartellone del Parco, un concerto di Vinicio Capossela. L’obiettivo del progetto Parco Culturale è lo sviluppo del territorio in tutte le sue sfaccettature culturali e turistiche: l’ideazione di nuove e stimolanti occasioni di diffusione del patrimonio di tradizioni e storia; la creazione di un cartellone unico di proposte, a partire dalle manifestazioni già organizzate dai comuni aderenti, in modo da fornire loro maggiore visibilità turistica e capacità attrattiva; il recupero delle bellezze artistiche e naturalistiche; il rilancio dei prodotti enogastronomici e la valorizzazione degli elementi tipici della cultura materiale. Alla Regione Piemonte sarà affidato il compito di promuovere la programmazione delle attività culturali, favorire le sinergie tra le proposte, sottoporre le iniziative del Parco al controllo di gestione con cadenza annuale, finanziare parte dei progetti. I Comuni si impegnano a valorizzare i propri beni culturali, i teatri e le sedi deputate ad accogliere gli eventi e a garantire un finanziamento, in denaro o servizi. Alla Fondazione per il libro la musica e la cultura (ente che ogni anno organizza il Salone internazionale del libro di Torino) spetta il ruolo di regia: mettere a disposizione il proprio know-how culturale, tecnico, organizzativo e di comunicazione, garantire il coordinamento operativo delle attività in cartellone, gestire le risorse economiche del fondo di dotazione, realizzare le iniziative culturali che il tavolo di lavoro decide di affidarle direttamente.


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.