Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Biblioteche

Fino al 10 ottobre c'è il festival internazionale di Tuttestorie

di E. Draghi notizia del 4 ottobre 2012
C’è un festival, in Sardegna, che coinvolge Cagliari e altri 10 comuni sardi, che non vorrete perdere. È il festival internazionale Tuttestorie. Il presidente è David Grossman e l’iniziativa – che si svolge dal 3 al 10 ottobre – è interamente dedicata alla letteratura per ragazzi. Il tema di questa settima edizione è l’incomprensibile!
Che cos’è l’incomprensibile per i bambini? Banalmente non è solo ciò che non si capisce, ma ciò che si reinventa, che affascina e a volte spaventa. E la letteratura è un modo per raccontare l’incomprensibile senza svelarlo, senza fargli perdere quella carica magica che ha la capacità di lasciarci stupiti, a volte perfino instupiditi. Autori, poeti e illustratori si radunano in questi giorni al festival di Tuttestorie, tentando di avvicinare i loro piccoli lettori all’incomprensibile essenza della parola scritta e a quella, ancora più inafferrabile, del mondo adulto.
Il bambino di fronte all’ignoto – e l’ignoto è tanto più immenso tanto più si è piccoli – è nientemeno che un «Tonto Magnifico». Sul programma del festival leggiamo: «Eccolo, il Tonto Magnifico, nelle cui mani è il nostro futuro. Soprattutto nelle mani di coloro che avranno in sorte di preservare almeno un po’ di Tontaggine Magnifica, di curiosità gaudiosa dell’Incomprensibile, anche da adulti».
Il festival di Tuttestorie è un evento pensato per i bambini ma che gli adulti non vorranno perdere, è un modo diverso, divertente e meraviglioso per entrare nello sconosciuto – e spesso incomprensibile – universo della lettura.
Sul festival di Tuttestorie segnaliamo anche Tutti all’orcanatrofio, le frasi ricreate dai piccoli, un articolo di Stefano Bartezzaghi uscito oggi su «Repubblica», che potete trovare qui.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.